Crea sito
 
Secondo Dreca

l'AlterBlog

10 anni

marzo 9th, 2012

“Anche se stiamo insieme da più di trent’anni, i nostri libri convivono solo da due lustri. Come dire che molti titoli sono doppi nelle nostre rispettive biblioteche. Fra questi doppioni, ci sono libri accumulati prima del nostro incontro, ma anche quelli comprati, apposta o per sbaglio, in doppia copia per motivi onorevoli o inconfessabili: il piacere dell’indipendenza, il rispetto per l’altro (François non osa impormi le sue pagine con le orecchie, i suoi segni con l’evidenziatore). E , in modo più sotterraneo, il senso di precarietà e dunque la preoccupazione di risparmiarci, in caso di rottura, quel sovrappiù di alterco a proposito della divisione dei libri. […]C’è da scommettere che, se non ci saremo sgozzati a vicenda con foga o pacatezza, li estrarremo a sorte. […] Spero di non dover mai affrontare questa lotteria dei libri, ma, se sapremo rassegnarcisi con grazia, sarà segno che nè l’uno nè l’altro era totalmente cattivo e che avremmo potuto benissimo continuare a vivere insieme” (Annie François, La lettrice. Biografia di una passione)

10 Responses to “10 anni”

  1. nicce ha detto:

    se non ci si sgozza a vicenda con foga o pacatezza è proprio un evidente segno che si può benissimo continuare a stare insieme e sopportarsi/supportarsi… 😉

  2. sysjena ha detto:

    …a suo tempo con mio fratello divisi gli LP…bei tempi….ora con mia moglie ho solo qualche doppione, ma compriamo cose diverse e leggiamo cose diverse…solo raramente leggiamo le stesse cose…
    🙂

  3. Tony ha detto:

    Credo che l’atto di dividersi le cose sia un sovrappiù, una crudeltà aggiunta, contro ser stessi e contro le scadenze della vita.
    Forse è meglio lasciare all’altro tutto di sé, le cose, i ricordi, i trionfi e le sconfitte.

  4. Paolopaoli ha detto:

    un inno all’amore? 😉

  5. Alessandro ha detto:

    Questo libro l’ho letto anni fa, mi era piaciuto molto. E’ la voce di una lettrice accanita, senza tante storie nè trame che non siano reali. Credo che in Francia sia stato un bestseller, a suo tempo. Capitoli brevi, diretti all’indagine di una sola, inappellabile passione. Raro. Come una scena di un film di Truffaut? 🙂

  6. dreca ha detto:

    alessandro, non avrei saputo descriverlo meglio! ;-)a me è capitato per caso, trovato tra i remainder, ho un debole per i libri che parlano di libri, e questo è stato un piacevolissimo passatempo 🙂

Powered by WordPress. Theme by Sash Lewis.